Pubblicato il: 21 Sep 2016

Gastronomia

I prodotti tipici

 

Decorata come il Sannio tutto è caratterizzato da un'alta varietà di prodotti tipici, frutto di antiche tradizioni, che spaziano dal vino all'olio, dalle carni ai salumi.

La gastronomia locale è fatta di specialità molto semplici i cui primi piatti sono sempre a base di pasta fatta in casa ("Cecati, Lasagne o tagliatelle") condita con sugo di agnello o ragù od anche accompagnata a legumi, Cavatelli con broccoli, "fiavole" (a base di pasta sfoglia con ripieno di formaggio e uova, al forno), panzerotti di S. Giuseppe (a base di pasta sfoglia con ripieno di ceci e cannella, fritti).

Inoltre è diffusa la preparazione di involtini a base di fegato, polmone, animella, prezzemolo, aglio, avvolti con budella di agnello e di legumi, preparati in svariati modi ("mugniatiello").

Di recente si sta sempre più diffondendo l'offerta di prodotti tipici di salumi di carne suina e formaggi.

L'Alto Tammaro è una zona anche a spiccata vocazione olivicola, in quanto fattori pedoclimatici, uniti alle capacità professionali, contribuiscono a produrre un olio di elevata qualità, ottenuto da varietà da sempre coltivate in zona e in grado di garantire una spiccata tipicità del prodotto.

Pizza con le cicole:


Ingredienti: 500 gr. di polenta, 200 gr. di cicoli di maiale, 25 gr. di sugna, 30 gr. di semi di finocchio, sale, pepe.
Procedimento: versate in un litro d'acqua bollente la polenta, la sugna, il sale ed il pepe. Mettete sulla spianatoia l'impasto e lavoratelo con le mani, aggiungete i cicoli e i semi di finocchio. Ungete una teglia e mettetevi l'impasto. Infornate per più di un'ora.

Zeppole di San Giuseppe:


Ingredienti: 250 gr. di patate, 250 gr. di farina, 50 gr. di burro, 50 gr. di zucchero, 1 uovo, 20 gr. di lievito di birra, scorzetta di limone, latte, olio.
Procedimento: lessate le patate con tutta la buccia, quando saranno cotte, sbucciatele e passatele nel passatutto. Preparate su di un tavolo la farina a fontana e fateci cadere sopra le patate passate. Aggiungete il burro morbido, lo zucchero, l'uovo e una scorzetta di limone grattugiato. Sciogliete in un dito di latte tiepido il lievito di birra e aggiungetelo all'impasto. Lavorate molto la pasta fino a sentirla morbida ed elastica. A questo punto fate dei bastoncini grossi all'incirca come un grissino e lunghi 8 centimetri. Fate delle ciambelline tonde e lasciatele lievitare su di una tovaglia al caldo. Mettete in una padella dell'olio di semi e friggete le zeppole ad olio bollente. Asciugate le zeppole fritte su carta assorbente per togliere l'olio e rigiratele nello zucchero.

 

Manifestazioni

11° Incontro

Turismo e Cultura